Colli di Rimini

La zona di produzione delle uve del vino a denominazione di origine controllata Colli di Rimini si colloca all’interno della provincia di Rimini e comprende l'intero territorio amministrativo dei comuni di Coriano, Gemmano, Mondaino, Monte Colombo, Montefiore Conca, Monte Gridolfo, Montescudo, Morciano di Romagna, Poggio Berni, Saludecio, San Clemente, Torriana e Verucchio. Comprende, inoltre, parte del territorio amministrativo dei comuni di Cattolica, Misano Adriatico, S. Giovanni in Marignano, Riccione, Rimini e Santarcangelo di Romagna.

Nel territorio del Colli di Rimini il vino e la vite hanno una storia e una tradizione millenarie, le prime attestazioni certe della presenza della vite sono databili all’VIII - VII secolo avanti Cristo, grazie ai reperti delle tombe villanoviano-etrusche di Verucchio costituiti da pollini e vinaccioli di Vitis vinifera. Dopo il Mille, le testimonianze storiche divengono numerosissime, sia per lo sviluppo della produzione e dei commerci, sia per la maggiore ricchezza delle fonti superstiti. Gli statuti medievali di Rimini, attraverso la minuziosa normativa che regola la vita della città e del contado, offrono una moltitudine di elementi circa la viticoltura e la vinificazione, la conservazione, il trasporto, lo smercio e il consumo del vino, evidenziandone il ruolo centrale nell’economia e nella vita della gente.

La denominazione di origine controllata Colli di Rimini è riservata ai seguenti vini bianchi e rossi: Colli di Rimini Rosso, Colli di Rimini Bianco, Colli di Rimini Cabernet Sauvignon (anche nella tipologia riserva), Colli di Rimini Biancame, Colli di Rimini Rébola (anche nelle tipologie secco, amabile, dolce, passito), Colli di Rimini Sangiovese (anche nelle tipologie superiore e riserva).

 Vitigno

Colli di Rimini Rosso: Sangiovese dal 60% al 75%, Cabernet Sauvignon dal 15% al 25%. Inoltre possono concorrere alla produzione di detto vino i seguenti vitigni, da soli o congiuntamente: Merlot, Barbera, Montepulciano, Ciliegiolo, Terrano, Ancellotta, fino ad un massimo del 25%. Colli di Rimini Bianco: Trebbiano romagnolo dal 50% al 70%, Biancame e Mostosa, da soli o congiuntamente: dal 30% al 50%. Inoltre possono concorrere alla produzione di detto vino le uve dei vitigni a bacca bianca fino ad un massimo del 20%, di cui un massimo del 5% di vitigni a bacca bianca aromatici. Colli di Rimini Cabernet Sauvignon (anche nella tipologia riserva): Cabernet Sauvignon minimo 85%. Inoltre possono concorrere alla produzione di detto vino altri vitigni a bacca di colore analogo fino ad un massimo del 15%. Colli di Rimini Biancame: Biancame minimo 85%. Inoltre possono concorrere alla produzione di detto vino i seguenti vitigni, da soli o congiuntamente: Pignoletto, Chardonnay, Riesling italico, Sauvignon, Pinot bianco, Muller Thurgau fino ad un massimo del 15%. Colli di Rimini Rébola (anche nelle tipologie secco, amabile, dolce, passito): Pignoletto minimo 85%. Inoltre possono concorrere alla produzione di detto vino i seguenti vitigni, da soli o congiuntamente: Biancame, Mostosa, Trebbiano romagnolo, fino ad un massimo del 15%. Colli di Rimini Sangiovese (anche nelle tipologie superiore e riserva): vitigno Sangiovese minimo 85%. Inoltre possono concorrere alla produzione di detto vino altri vitigni a bacca di colore analogo fino ad un massimo del 15%.

 Caratteristiche

Aspetto

Il Colli di Rimini Rosso ha colore rosso rubino intenso; il Colli di Rimini Bianco colore paglierino più o meno intenso. Le altre tipologie dei rossi presentano colore rosso rubino, talvolta carico o con riflessi granato. I bianchi hanno colore paglierino scarico con riflessi verdognoli. Il Colli di Rimini Rébola amabile, dolce e passito ha colore dal paglierino all'ambrato.

Profumo

Il Colli di Rimini nelle tipologie dei rossi ha odore ampio e caratteristico, mentre nelle tipologie dei bianchi presenta odore delicato, dal fruttato al floreale.

Gusto

Il Colli di Rimini nelle tipologie dei rossi presenta sapore asciutto, di corpo, pieno, talvolta leggermente tannico. Il Colli di Rimini nelle tipologie dei bianchi, ha sapore asciutto, sapido e armonico. Il Colli di Rimini Rébola amabile ha sapore amabile, armonico, particolarmente morbido; la tipologia dolce ha sapore dolce, gradevole, caratteristico, mentre il passito  ha sapore dolce e vellutato.

Gradazione

Il tasso alcolometrico volumico totale minimo per le varie tipologie dei vini Colli di Rimini è il seguente: Colli di Rimini Rosso 11,50% vol; Colli di Rimini Bianco 11,00% vol; Colli di Rimini Cabernet Sauvignon: 11,500% vol; Colli di Rimini Cabernet Sauvignon Riserva: 12,00% vol; Colli di Rimini Biancame: 10,50% vol; Colli di Rimini Rébola (tipo secco): 11,50% vol; Colli di Rimini Rébola amabile: 11,50% vol.; Colli di Rimini Rébola dolce: 11,50% vol; Colli di Rimini Rébola passito: 16,00% Vol; Colli di Rimini Sangiovese: 11,50% vol.; Colli di Rimini Sangiovese Superiore: 12,50% vol.; Colli di Rimini Sangiovese riserva: 13,00% vol.

Età ottimale

I vini Colli di Rimini Cabernet Sauvignon e Sangiovese possono fregiarsi della specificazione aggiuntiva "Riserva" se sottoposti ad un periodo di invecchiamento non inferiore a 24 mesi a decorrere dal 1° dicembre dell'anno di raccolta delle uve, di cui almeno 2 mesi in bottiglia.

 

 

 Zona di produzione

 Tipologie

  • Colli di Rimini Rosso
  • Colli di Rimini Bianco
  • Colli di Rimini Cabernet Sauvignon
  • Colli di Rimini Cabernet Sauvignon Riserva
  • Colli di Rimini Biancame
  • Colli di Rimini Rébola Secco
  • Colli di Rimini Rébola Amabile
  • Colli di Rimini Rébola Dolce
  • Colli di Rimini Rébola Passito
  • Colli di Rimini Sangiovese
  • Colli di Rimini Sangiovese Superiore
  • Colli di Rimini Sangiovese Riserva

 

 Calice e servizio

Il Colli di Rimini nella tipologia Biancame è un vino bianco che va gustato in calici di media capacità a tulipano svasato alla temperatura di 8-10 gradi. Anche il Colli di Rimini Bianco va bevuto negli stessi calici e alla stessa temperatura di cui sopra. Il Cabernet Sauvignon va gustato in calici ballon alla temperatura di 18-20 gradi.  

 

 Abbinamento con i cibi

Il Colli di Rimini nella tipologia Biancame è un vino bianco che si accompagna bene a salumi e a piatti come cappelletti in brodo, lasagne, tagliatelle al ragù e Parmigiano reggiano. Il Colli di Rimini Bianco è ottimo per accompagnare prosciutto, culatello, spalla cotta, finocchietto, passatelli, cappellacci, tortellini e piadine romagnole. Il Cabernet Sauvignon si abbina bene alla salama da sugo, al salame felino, al Parmigiano reggiano, al Grana padano, al formaggio di fossa e ad altri salumi.