Prosciutto di Parma Dop

La denominazione di origine "Prosciutto di Parma" è stata inizialmente giuridicamente protetta a livello nazionale dal 1970 attraverso la legge 4 luglio 1970 n° 506 ed è poi stata riconosciuta come DOP ai sensi del Regolamento CEE n.2081/92 con Regolamento CE n. 1107 del 12.06.96. La denominazione di origine "prosciutto di Parma" è riservata esclusivamente al prosciutto munito di contrassegno atto a consentirne in via permanente la identificazione, ottenuto dalla cosce fresche di suini nati, allevati e macellati in una delle seguenti Regioni: Emilia-Romagna, Veneto, Lombardia, Piemonte, Molise, Umbria, Toscana, Marche, Abruzzo e Lazio, prodotto secondo le prescrizioni di legge e regolamentari, stagionato nel territorio tipico di produzione della provincia di Parma posto a Sud della via Emilia, distanza da questa non inferiore a 5 chilometri fino ad una altitudine non superiore a 900 metri, delimitato ad est dal corso del fiume Enza e ad Ovest dal corso del torrente Stirone, per il periodo minimo di 12 mesi a decorrere dalla salagione.

Il Prosciutto di Parma è un alimento completamente naturale: gli unici ingredienti sono la carne di maiale e il sale. Il suo segreto risiede unicamente nell’abilità dei maestri salatori, nell’aria profumata delle colline parmensi e nella lunga e paziente stagionatura. Per produrre il Re dei Salumi non vengono infatti utilizzate sostanze chimiche, conservanti o altri additivi, né si fa ricorso a procedimento di affumicatura.

Il Consorzio del Prosciutto di Parma vigila sull’osservanza del disciplinare produttivo per garantire al consumatore un prodotto completamente naturale realizzato seguendo le tecniche di lavorazione tradizionali. La firma del Consorzio – la corona ducale a cinque punte – costituisce un vero “marchio di qualità”.

Le specifiche caratteristiche del Prosciutto di Parma, a stagionatura ultimata sono:

• forma esteriore tondeggiante

• peso normalmente compreso tra gli 8 ed i 10 chilogrammi, ma comunque non inferiore ai 7

• colore al taglio uniforme, tra il rosa e il rosso, inframmezzato dal bianco puro delle parti grasse

• sapore delicato e dolce ed aroma fragrante e caratteristico.

L’estrema naturalità del Prosciutto di Parma conferisce ad esso anche un alto valore nutrizionale. Pochi grassi, molti sali minerali e vitamine e proteine facilmente digeribili lo rendono un alimento adatto a tutti. Si conferma infatti un prodotto altamente digeribile e quindi l’alimento ideale per bambini, sportivi e anziani grazie al contenuto di proteine di ottima qualità e alla naturale proteolisi che avviene durante la stagionatura. Gli sportivi possono inoltre contare sull’azione detossificante e anti-fatica degli aminoacidi ramificati che costituiscono più del 20% della quota proteica totale e concorrono alla riparazione del danno muscolare dovuto all’usura che il muscolo subisce durante il movimento. Anche la componente dei grassi totale è di qualità, grazie all’elevato contenuto di acidi grassi insaturi, quei grassi buoni che fanno bene alla salute, come l’acido oleico, un grasso monoinsaturo contenuto anche nell’olia di oliva che protegge dalle patologie cardiovascolari. Mangiare Prosciutto di Parma vuol dire contribuire al raggiungimento dei livelli giornalieri di assunzione raccomandati di vitamine del gruppo B, ma anche fornire una buona quota di preziosi minerali ad alta biodisponibilità ossia facilmente assorbili dall’organismo, come ad esempio il ferro.