Reggiano

Nel territorio della provincia di Reggio Emilia vengono coltivate uve da cui si ricavano vini rossi, bianchi e rosati, riuniti nella denominazione Reggiano Doc. I vini compresi in questa Doc sono il Lambrusco (Rosso e Rosato), il Rosso (anche Frizzante e Novello), il Bianco Spumante e il Lambrusco Salamino (rosso o rosato). Si tratta di vini con origini antiche, come testimonia la Naturalis Historia di Plinio, in cui si elencano le caratteristiche di una vite selvatica, la labrusca vitis, da cui occasionalmente si produceva un buon vino, ma che solo nel 1300, come documenta il bolognese Pier de' Crescenzi nel suo Trattato sull'agricoltura, vennero avviati a una produzione abituale.

La zona di produzione del vino Reggiano Doc comprende i comuni di Albinea, Bagnolo in Piano, Baiso, Bibbiano, Boretto, Brescello, Cadelbosco di Sopra, Campagnola Emilia, Campegine, Canossa, Carpineti, Casalgrande, Castellarano, Castelnovo di Sotto, Cavriago, Correggio, Fabbrico, Gattatico, Gualtieri, Montecchio Emilia, Novellara, Poviglio, Reggio Emilia, Quattro Castella, Rio Saliceto, Rolo, Rubiera, San Martino in Rio, San Polo d'Enza, Sant'Ilario d'Enza, Scandiano, Vezzano sul Crostolo e Viano, tutti in provincia di Reggio Emilia; il Reggiano Rosso e Rosato sono prodotti nei comuni di Bagnolo in Piano, Cadelbosco di Sopra, Campagnola Emilia, Campegine, Correggio, Fabbrico, Gualtieri, Montecchio Emilia, Novellara, Reggio Emilia, Rio Saliceto, Rolo, Rubiera, San Martino in Rio e Sant'Ilario d'Enza, tutti in provincia di Reggio Emilia; la zona di produzione del Reggiano Lambrusco Salamino comprende i comuni di Bagnolo in Piano, Campagnola Emilia, Correggio, Fabbrico, Reggio Emilia, Rio Saliceto, Rolo, Rubiera e San Martino in Rio, tutti in provincia di Reggio Emilia; la zona di produzione del Reggiano Bianco Spumante comprende i comuni di Bagnolo in Piano, Campagnola Emilia, Campegine, Correggio, Fabbrico, Gualtieri, Montecchio Emilia, Novellara, Reggio Emilia, Rio Saliceto, Rolo, Rubiera, San Martino in Rio e Sant'Ilario d'Enza, tutti in provincia di Reggio Emilia.

 Vitigno

Reggiano Lambrusco (anche nelle tipologie frizzante, spumante e novello): Lambrusco Marani, Lambrusco salamino, Lambrusco Montericco, Lambrusco Maestri, Lambrusco di Sorbara, Lambrusco grasparossa, Lambrusco Viadanese, Lambrusco oliva, Lambrusco Barghi, congiuntamente o disgiuntamente, in misura non inferiore all’85%; per il complessivo rimanente  possono concorrere, da sole o congiuntamente, le uve provenienti dai vitigni Ancellotta, Malbo   gentile, Lambrusco a foglia frastagliata, Fogarina. Reggiano Lambrusco Salamino (anche nella tipologia frizzante): Lambrusco salamino in misura non inferiore all’85%; per il complessivo rimanente possono   concorrere, da sole o congiuntamente, le uve provenienti dai vitigni Ancellotta, Lambrusco Marani, Lambrusco di Sorbara e Malbo gentile. Reggiano Rosso (anche nella tipologia frizzante e novello): Ancellotta dal 30% al 60%; per il complessivo rimanente possono concorrere, da sole o   congiuntamente, le uve provenienti dai vitigni Lambrusco salamino, Lambrusco Marani, Lambrusco di Sorbara, Malbo gentile, Lambrusco Maestri, Lambrusco grasparossa, Sangiovese,   Merlot, Cabernet sauvignon, Marzemino, Lambrusco oliva, Lambrusco Viadanese, Lambrusco a   foglia frastagliata, Fogarina. Reggiano Bianco spumante: Lambrusco Marani, Lambrusco Maestri, Lambrusco salamino, Lambrusco Montericco, Lambrusco   di Sorbara e Malbo gentile congiuntamente o disgiuntamente per il 100%. Le uve a bacca rossa   devono essere vinificate in bianco.

 Caratteristiche

Aspetto

L’aspetto visivo del Reggiano Doc, a seconda delle tipologie, è: Lambrusco: colore che varia dal rubino al rosso intenso o rosato più o meno intenso; Lambrusco Salamino: colore rosso o rosato; Reggiano Rosso: colore rosso; Bianco Spumante: colore bianco con leggera tendenza al paglierino.

Profumo

All’olfatto le varie tipologie del Reggiano Doc si presentano: Lambrusco: odore gradevole e caratteristico che varia dal fruttato al floreale; Lambrusco Salamino: odore gradevole che varia dal fruttato al floreale; Reggiano Rosso: odore intenso e fruttato; Bianco Spumante: odore fruttato floreale.

Gusto 

 Al palato i vini del Reggiano Doc hanno: Lambrusco sapore secco, abboccato, amabile, dolce, fresco, gradevole, caratteristico; Lambrusco Salamino: sapore secco, dolce, fresco e amabile; Reggiano Rosso: sapore sapido e tranquillo; Bianco Spumante: sapore sapido, fresco, armonico, vellutato e morbido.

Gradazione

Il tasso alcolometrico volumico totale minimo è di 10,50% vol per le tipologie Lambrusco (anche frizzante), Lambrusco Salamino (anche frizzante), Rosso (anche frizzante) e di 11,00% vol per le tipologie Lambrusco Novello (anche frizzante e spumante), Rosso Novello e Bianco Spumante.

 

 

 

 Zona di produzione

 Tipologie

  • Reggiano Lambrusco (anche frizzante, spumante e novello)
  • Reggiano Lambrusco Salamino (anche frizzante)
  • Reggiano Rosso (anche frizzante e novello)
  • Reggiano Rosato
  • Reggiano Bianco spumante

 Calice e servizio

La tipologia Bianco Spumante va servito a una temperatura di circa 6-8 gradi in flûte. Il Lambrusco rosso o rosato così come il Lambrusco Salamino rosso o rosato vanno invece serviti in calici allungati (o di media capacità a tulipano ampio) a una temperatura di 12-14 gradi. Infine, il Rosso va servito a una temperatura di 13-14 gradi in calici per vini rossi giovani.

 

 Abbinamento con i cibi

I vini riuniti nella denominazione Reggiano si prestano ad accompagnare tutti i piatti tipici della cucina romagnola, come tortellini, tagliatelle al ragù, Parmigiano Reggiano, lasagne verdi, culatello, zampone, torte di riso e tutti i salumi tipici della regione. La tipologia Bianco Spumante poi, si accompagna bene inoltre anche a pesci grassi arrosto.